Da sempre la realizzazione di particolari prodotti nel settore secondario viene eseguita mediante appositi macchinari utilizzati per la lavorazione del metallo. Ecco perché é indispensabile adoperare delle apparecchiature conosciute con il nome di profilatrici, ossia macchine che tramite una lastra di metallo, riescono a creare tubature di vari profili e dimensioni, completamente saldati per via della saldatrice elettronica TIG.
Ogni macchinario è composto da una scocca in acciaio con un fondamento ottenuto dal pieno e con dei particolari registri posizionati sulle ruote superiori che funzionano da controller per gli spessori.
Ciascun sostegno gira su dei cuscinetti volventi e l’andatura di lavoro può essere regolata per merito del motovariatore elettronico.
Inoltre, queste speciali attrezzature possono essere utilizzate per produrre lamiere in alluminio e rame.

Profilatrici e come avviene il processo di profilatura

Nel paragrafo successivo, andremo a scoprire insieme cosa si intende per profilatura e come avviene il suo processo.

Profilatura: cos’è e come funziona

La profilatura a freddo/rulli è un sistema di sagomatura di nastri e lamiere di metallo che vengono incurvati tramite un trattamento continuo fino ad ottenere il profilo o la tubatura desiderata.
Il nastro passa mediante una sequenza di rulli che, insieme, compiono una parte del lavoro fino a raggiungere la sezione ricercata. A differenza delle attrezzature speciali per estrusione, le profilatrici a rulli sono in grado di “maneggiare” tutti i metalli più leggeri, più fini e più solidi. Inoltre, grazie a questo tipo di profilatura si ottiene un enorme risparmio di tempo e di energia.
La profilatura è la soluzione migliore per creare tubi e profili dalle grandi dimensioni, ma anche dal volume notevole e dal profilo costante.
La profilatura a freddo viene utilizzata in vari contesti industriali, come l’edilizia, l’automobilistica, la costruzione navale, il digitale, nella creazione di apparecchiature e nell’oreficeria.

Profilatrice a freddo/rulli: come funziona?

Normalmente una macchina profilatrice è formata da un aspo avvolgitore, un meccanismo di profilatura e da un sistema di taglio: l’aspo viene utilizzato per curare costantemente il materiale nella profilatrice in caso di produzioni di massa.
Per ciò che riguarda la macchina profilatrice, è costituita da rulli superiori e inferiori utili per laminare l’aspetto del profilo richiesto.
Infine c’è il sistema di taglio, utilizzato per tagliare il nastro prima di immetterlo nelle stazioni di profilatura.
Il metallo è incurvato a freddo tramite una linea di profilatura a rulli che conduce la rotta del materiale ed effettua la giusta piegatura.
Le teste profilanti assicurano un’elevata continuità nel piegare il metallo preservandone l’appropriata sezione trasversale.
Oltre alla profilatura, generalmente le profilatrici a freddo effettuano altre operazioni di lavorazione dei metalli, come la saldatura degli stessi a TIG e al plasma.

Profilatrice a freddo: gli aspetti principali da prendere in considerazione

Prima di poter acquistare una profilatrice è fondamentale prendere in cosiderazione alcuni aspetti, tra cui: la tipologia, le funzioni e i programmi di produzione, il tipo di prodotto da realizzare e tanto altro.
Approfondiamo il tutto nel paragrafo successivo.

Profilatrice a freddo: come sceglierla?

Per scegliere una profilatrice a freddo è necessario tenere a mente i seguenti fattori:

  • L’oggetto da realizzare e il tipo di metallo da lavorare. Una volta stabilito l’utilizzo, è possibile scegliere tra l’oro, l’argento, il platino, le diverse leghe di rame, l’alluminio, l’ afnio e lo zirconio;
  • Lo spessore della lastra, della tubatura e del profilo, la cui misura può partire da un minimo di 0,2 mm fino ad un massimo di 2 cm;
  • La forma desiderata, che può essere circolare, ovale o rettangolare. Mentre per altre applicazioni, sono previsti profili aperti, sovrammessi e non saldati;
  • Il numero di procedure da svolgere, altro elemento fondamentale per eseguire il minor numero di fasi possibili e per semplificare il processo;
  • Possibili ed ulteriori funzioni, come l’installazione di un “fulcro” interno, la saldatura TIG/laser, l’accumulo di polvere di riempimento, etc.

Per ulteriori informazioni e per conoscere altre caratteristiche indispensabili per la scelta di una profilatrice, vi suggeriamo di prendere in considerazione i modelli della Evomach presenti sul sito https://www.evomach.it/

Previous post Sanremo 2022, Amadeus tornerà l’anno prossimo?
Next post Sanremo 2022, Giovanni Truppi e “Tuo padre, mia madre, Lucia” in versione acustica