Paesaggi, foto d’archivio e Baudelaire: Santolo Felaco racconta ‘Spleen’

«Ho deciso di realizzare questo lavoro spinto dalla necessità di dare una forma alle sensazioni che mi provoca l’opera di Baudelaire», dice il fotografo degli scatti astratti e inquietanti del suo nuovo progetto