Morricone odiava i sintetizzatori, ma li usava benissimo

Il compositore detestava le tastiere che replicano il suono degli strumenti acustici. Dietro a questo fastidio quasi luddista c’era la voglia di creare suoni sempre nuovi. E l’ha fatto spesso, utilizzando anche le “macchine”