Fondata nel 1985, la società salentina è diventata un manifesto contro l’isolamento sociale delle persone con disabilità visive, la dimostrazione che lo sport è la parte più visibile di una lotta quotidiana, di una voglia di rivincita: il campo è l’arena dove dimostrare alla società la propria normalità. Abbiamo trascorso una giornata con Salvatore Peluso (il bomber), Pantaleo Bortone (lo stopper) e Davide Dongiovanni (il mister) per farci raccontare una storia gloriosa

The post «Benvenuti nel buio» – dentro l’Ascus Lecce, la squadra di non vedenti più titolata d’Italia first appeared on Rolling Stone Italia.

Read More Rolling Stone Italia

Previous post Storia ‘diversa’ del cinema: E negli anni ’80 in Italia finisce la magia – Parte II
Next post Dobbiamo davvero credere a Harry e Meghan?