Live Report: Pino Scotto al Sabotage di Vicenza (03/04/2010)


pinos_011Ed eccomi qui a recensire il mio secondo concerto…  lo so lo so, sono proprio un novellino ma pian piano farò anch’io esperienza! Dopo il bellissimo Legend Of Chaos (vedi news), approfittando della vicinanza da casa, ho deciso assieme ad un mio amico di andare a vedere Pino Scotto al Sabotage di Vicenza e devo ammettere che è stata una bella serata. Arriviamo al locale verso le 20 e 15 e con tristezza vediamo scritto: “Apertura Porte ore 21 e 30″… perchè? perchè mi domando? Dobbiamo aspettare più di un’ora! Per fortuna che poi alle 21 e 15 eravamo dentro… Dopo aver bevuto qualche birra e aspettato impazienti ecco che salgono sul palco gli O.P.P.O.I.S.E.R., band vicentina che vanta un bel quartetto e che vi consiglio di sentire (visita il loro Myspace). Unica pecca loro forse un po’ la timidezza ma si sa, vuoi un po’ per la poca esperienza vuoi un po’ per la scarsa collaborazione del pubblico… fatto sta che la loro esibizione è sicuramente stata piacevole.
Tempo per il mio amico di fumare una cicca (io non fumo!) e finalmente sale sul palco Pino Scotto supportato dalla sua band. Pino dimostra una vera anima Rock N’Roll non curandosi minimamente dei suoi 60 anni suonati: per tutta l’esibizione urla, canta, si dimena sul palco, cerca la gente tra il pubblico… insomma ne fa di tutti i colori mandando più volte in delirio i numerosi fan presenti. Tra le canzoni suonate hanno guadagnato enorme spazio quelle estratte dal nuovo album “Buena Suerte” (vedi news) che si sono dimostrate ottime: in particolare abbiamo gradito “Blues On” e “Figlio Di maria”. Non sono poi mancati i classici “Il Grido Disperato Di Mille Band” e “Dio Del Blues”.
Speravamo inoltre di sentire “Gli Arbitri Ti Picchiano” (vedi video), la nuovissima canzone fatta con Caparezza ma capirete che senza il rapper pugliese risultava un po’ difficile da fare. Sicuramente da citare è la prova del chitarrista, vero funambolo della 6 corde che ha fornito una prova eccellente suonando divinamente assoli e parti ritmiche.

Ed ora passiamo alle note negative della serata: “Caro Pino, in una paese dove la Lega Nord ha stravinto con oltre il 60% dei voti devi almeno limitare le tue idee politiche che, per quanto giuste siano, dopo un po’ hanno rotto ed infatti qualcuno non si è risparmiato di mandarti a quel paese…” Detto ciò, non posso che fare i complimenti a questo grande personaggio che con il suo rock tiene vivo il nome della vera musica suonata e composta da passione, amore e energia.
DATEVI FUOCO

, , , ,